Eserciziario


Come indicato da Basho, un modo per raggiungere la genuinità è lo studio dei maestri.

A questo scopo, soprattutto per gli avanzati, sono stati formulati i seguenti esercizi:

  • Haiku a specchio
  • Triplice Haiku
  • Haiku 555
  • Analisi Yin Yang (pragmatica di comunicazione)

I principianti sono invece invitati ad iscriversi al gruppo Lab Zen Haiku, dove verranno guidati dagli amministratori, attraverso una serie di esercizi specifici.

Haiku a specchio

Il cuore dell’esercizio è quello di cercare d’interpretare, quindi studiare, gli haiku dei maestri.
L’idea è quella di prendere un haiku di un maestro e di “specchiarlo” con un vostro haiku.

L’operazione di “specchiamento” porta così ad avere una coppia di haiku che, se pur diversi tra loro, devono avere la stessa essenza e soggetto, ovvero quella dell’haiku originale del maestro.

In questo esercizio non ci sono errori,  nel senso che la pratica consiste nel dover riconoscere quello che il maestro voleva trasmettere e quindi riprodurlo nel vostro haiku.

Ovviamente un’interpretzione  è sempre qualcosa di soggettivo e di variabile nel tempo, quindi è normale che un haiku oggi vi trasmetta determinate sensazioni, che potranno cambiare domani, in quanto tutto cambia, anche voi, soprattutto se migliorerete la vostra consapevolezza.

Modalità di svolgimento dell’esercizio

Scrivete, come negli esempi sotto, una riga con Essenza e Soggetto dell’haiku del maestro, seguita dall’haiku di riferimento del maestro e poi dal vostro haiku.

Siccome gli haiku dei mestri saranno sempre delle traduzioni,  l’esercizio non richiede l’obbligatorietà della forma canonica.

Ritenetevi liberi di usare la metrica che ritenete più opportuna.

Separate i due haiku da una breve sequenza di trattini.

Esempi (sono tutti haiku di M.Basho, dopo i trattini, i miei specchi)

Haiku a specchio ESEMPIO  1

  • Essenza: abbandono dell’uomo alla natura
  • Soggetto: nevicata

Vieni, andiamo                                                                                                                                                     guardiamo le neve                                                                                                                                                      fino a restarne sepolti

(Basho)

————

Fermiamoci                                                                                                                                                                      Assaggiamo la neve                                                                                                                                                          fino ad evaporare

Haiku a specchio ESEMPIO  2

  • Essenza :  presa di coscienza che tutto cambia continuamente
  • Soggetto: uno sguardo al cielo d’autunno

 Autunno                                                                                                                                                                  persino gli uccelli e le nuvole                                                                                                                       sembrano vecchi

————-

 Autunno                                                                                                                                                                          la pioggia che scende                                                                                                                                                 non  è  la stessa

Haiku a specchio ESEMPIO  3

  • Essenza:  compassione verso un essere senziente (intesa alla Buddista) 
  • Soggetto: un animale domestico

 Una gatta                                                                                                                                                                          così magra                                                                                                                                                             nutrita d’orzo e d’amore

————–

Un cane mi guarda                                                                                                                                                    non siamo così diversi                                                                                                                                mangiamo ed amiamo

 

Triplice haiku

Il cuore di questo esercizio è quello di costringervi a scrivere in modo diverso, perchèsforzarsi di osservare la realtà attraverso tre diverse interpretazioni, aumenterà la vostra consapevolezza e capacità d’osservazione.

Un triplice haiku consiste nello scrivere, partendo da un’unica sola esperienza (soggetto ispiratore), tre diversi  haiku basati sui differenti approcci interpretativi che conosciamo, ovvero:
  • zen haiku
  • haiku
  • pseudohaiku

Normalmente, ognuno di noi, davanti ad un evento che ci può ispirare un haiku ha inconsciamente un approccio romantico o razionale.

Un haiku scritto con la mente razionale descriverà la realtà del soggetto, quello scritto con una mente romantica la trasformerà in uno pseudohaiku, mentre con una mente vuota, fotograferete soprattutto l’unità tra voi (soggetto) e la realtà che vi circonda (oggetto).

Ora, possiamo dimenticarci di tutto questo e continuare a scrivere in modo inconsapevole, oppure esercitarci nello sviluppo delle nostre tre capacità e poi scegliere, di volta in volta, quella a cui dare voce..

Esempio:

Soggetto:  la preparazione di un regalo di compleanno

#haiku

  Un compleanno                                                                                                                                                                Il regalo avvolto                                                                                                                                                          col nastro rosso

#pseudohaiku

 Dolce giorno                                                                                                                                                      Stracolmo dei suoi sogni                                                                                                                                            Lei dodici anni

#zen haiku

 Il tuo regalo                                                                                                                                                            Mentre t’aspetta al buio                                                                                                                                   prende polvere

Come variazione, potete prendere anche un haiku di un maestro e provare a riscriverlo.

Haiku 555

Quando comporre haiku diventa difficile?  Quando l’acqua è poca.

Scrivere haiku sulla natura equivale a nuotare nell’oceano, tutti, prima o poi, possono farcela.

Con miliardi di metri cubi d’acqua a disposizione è facile nuotare, o come diceva Basho

“tutti possono diventare bravi a giocare con le parole” M.Basho

Ma se l’Oceano diventa una pozzanghera?

Allora le cose si complicano e nuotare diventa difficile.

Il motivo è semplice: in una pozzanghera si nuota solo se diventi pozzanghera, ma se la tua mente è abituata all’oceano, allora non sarà in grado di diventare pozzanghera.

Nella pozzanghera l’acqua è poca ed è sporca, non adatta alla grande e romantica mente, così la mente annaspa ed annega.

Già perché nell’arte della composizione degli haiku sono le pozzanghere che vi faranno annegare.

Chi vuole diventare davvero bravo nell’arte della composizione degli haiku, deve abbandonare l’Oceano, dimenticare di avere una mente e cominciare a diventare pozzanghera.

Quest’esercizio ha anche lo scopo di spingervi nella direzione della sperimentazione di un kensho, ovvero costringervi a diventare una pozzanghera.

Esercizio

scrivere 5 haiku diversi, basati sui 5 sensi, su un’esperienza di non più di 5 minuti.

Regole

  • tutti gli haiku devono far riferimento ad un’unica e sola esperienza, della durata massima di 5 minuti, svoltasi in un unico posto fisico
  • gli haiku inoltre NON devono contenere riferimenti diretti ai 5 sensi, cioè contenere termini espliciti riguardanti i 5 sensi
  • gli haiku devono inoltre essere leggibili come se fossero 5 fotografie scattate per documentare l’esperienza vissuta, ovvero devono seguire la sequenza temporale naturale dell’esperienza vissuta e quindi rappresentare la realtà vissuta, anche con l’inevitabile approssimazione che la frammentazione della realtà, intrinsecamente legata alla struttura di un haiku, comporta
  • gli haiku devono essere scritti seguendo la suddetta sequenza, ovvero essere coerenti con la sequenza dell’esperienza temporale vissuta
  • l’esperienza deve infine essere esplicitata chiaramente all’inizio della sequenza di haiku, titolando l’esperienza come soggetto
  • l’unico termine che può essere contenuto e quindi ripetuto in tutti gli haiku è quello esplicitato  dal soggetto (vedi sopra)
  • è inoltre fondamentale che gli haiku mostrino la realtà e non la descrivano, ovvero non si deve percepire negli haiku alcuna separazione tra voi e l’esperienza percepita; un buon modo per verificare questa regola è quello di NON inserire negli haiku descrizioni di azioni compiute da voi in prima persona
  • per chiarezza i 5 minuti si riferiscono all’esperienza vissuta e non come limite di tempo da dedicare alla composizione; una volta fatta l’esperienza dei 5 minuti per comporre i 5 haiku potete metterci il tempo che volete

Esempio

Soggetto: Arancia 

#tatto

  Le rotondità                                                                                                                                                                    di questa grossa arancia                                                                                                                                    fredda di frigo

#udito

 Il suono arriva                                                                                                                                                            sulle note di Choen                                                                                                                                                canta l’arancia

#odorato

 da sotto il naso                                                                                                                                                                  riappare l’arancia                                                                                                                                                      l’aria profuma

#vista

 fetta d’arancia                                                                                                                                                          mille toni di giallo                                                                                                                                                   nella penombra

#gusto

 gode la lingua                                                                                                                                                        con l’intero universo                                                                                                                                                    arancia dolce

 

P.S.

Siccome stiamo parlando di sensi,  ho voluto verificare quale fosse la soglia assoluta dei nostri sensi.

Per soglia assoluta sensoriale s’intende quel particolare livello di energia che discrimina tra la percezione e la non percezione di un evento fisico: ad un livello di energia più basso della soglia assoluta un soggetto non percepisce nulla, ad un livello pari o più alto il soggetto percepisce lo stimolo (fonte;Galanter [1962]).

  • Vista: La fiamma di una candela in una notte serena e senza luna a 45 km di distanza
  • Udito:Il ticchettio di un orologio a 6 m di distanza in un ambiente quieto
  • Gusto:Un cucchiaino di zucchero in 9 l d’acqua
  • Olfatto:Una goccia di profumo nel volume equivalente a sei grandi stanze
  • Tatto:L’ala di una mosca che cade sulla guancia dall’altezza di 1 cm

Analisi Yin Yang

Per questo esercizio ho preso un haiku di Miriam Bonvini, per non “insultare” i maestri, come sarà chiaro, quando verrà trattato il caso di studio.

 Chiaro di luna                                                                                                                                                      Accende cieli scuri                                                                                                                                Contemplazione

Dopo aver introdotto i concetti fondamentali riguardanti lo Yin – Yang, cercheremo di applicarli al suddetto haiku.

Lo scopo è quello di rendervi maggiormente consapevoli delle vostre opere, in modo che possiate prendere totalmente coscienza dell’intero processo mentale che avviene in voi quando componete un haiku

CONCETTI FONDAMENTALI

La forma e lo zen non sono tutto 

L’evento descritto dall’haiku  Miriam, quindi il soggetto, è chiaro, ben strutturato e conforme, ovvero l’autrice descrive come rimane senza parole (in contemplazione) di fronte al chiaro di luna che accende l’oscurità (evento reale che accade in natura).

Sequenza, metrica e forma sono quelle canoniche, c’è un chiaro “qui e ora”, quindi possiamo affermare che l’opera di Miriam è un haiku.

Sullo zen, nulla può essere detto, in quanto solo Miriam conosce il suo processo mentale e quanta consapevolezza ci sia nel suo haiku.

Quindi, per quanto ne sappiamo noi, il suo può essere benissimo uno zen-haiku oppure un semplice haiku.

Resta il fatto che forma e zen non sono ancora tutto, in quanto l’haiku di Miriam è anche “relazione”, ovvero è quella forza d’attrazione empatica ed emozionale che, aldilà dello zen e della forma, crea la relazione tra l’oggetto haiku e quel soggetto umano esterno che lo legge e che accoglie quelle 17 sillabe nella sua mente.

Un haiku rinasce sempre a nuova vita, ogni volta che viene letto perchè, come la musica, provoca emozioni e coinvolgimenti sempre differenti.

La “relazione” di un haiku con il lettore

La relazione di un haiku è allora quel processo empatico, dinamico ed evanescente,  che si crea tra l’haiku ed un suo lettore.

Il processo empatico è allora quella sequenza che si attiva quando qualcuno legge un haiku, ovvero:

lettura  =>> coinvolgimento =>> empatia .

In breve, un haiku contemporanemamente trasmette un’emozione e pilota la partecipazione del lettore.

Molto spesso, un buon haiku è in qualche modo “incompleto“, ovvero costringere il lettore a metterci qualcosa di suo.

Il processo empatico di un haiku dipende quindi dalla sua completezza, pertanto se un haiku è “incompleto”, sarà più coinvolgente, ovvero più empatico.

L’incompletezza di un haiku dipende dalle parole usate, o meglio dalla loro forza descrittiva, che potrà essere più o meno forte e quindi generare più o meno coinvolgimento nel lettore, ovvero più o meno empatia.

Una “relazione con il lettore” sarà quindi empaticamente più o meno forte, in funzione della forza descrittiva, responsabile del coinvolgimento.

Relazione yin e yang

Innanzitutto lo Yin e Yang di una relazione avviene solo tramite confronto.

Quindi è necessario avere (scrivere) almeno 2 descrizioni (haiku) dello stesso evento per definire quale sia quella Yin e quella Yang.

Presi 2 haiku, possiamo dire che un haiku è Yin quando la sua relazione, ovvero il suo processo empatico è più debole rispetto all’altro haiku.

Ovviamente sarà Yang il viceversa.

Yin e Yang non vanno considerati in termini di “meglio o peggio”, perchè è l’autore che decide consapevolmente, il livello di Yin/Yang che il suo haiku dovrà trasmettere.

Un haiku Yin non è migliore o peggiore di un haiku Yang, è solo diverso.

Lo Yin e Yang di una relazione, oltre che dalla forza descrittiva, sono inevitabilmente legati all’autore ed al lettore.

Un’autrice/lettrice (femmina) sarà sempre più Yin di autore/lettore (maschio), quindi una donna inevitabilmente sarà naturalmente propensa ad identificarsi con un haiku Yin, mentre accadrà il contrario per un autore/lettore maschio.

Caso di studio

Riprendiamo l’haiku originale (A) di Miriam

chiaro di luna                                                                                                                                                               accende cieli scuri                                                                                                                                        contemplazione

Costruiamo ora altre due versioni (B) e (C).

 chiaro di luna                                                                                                                                                              cieli scuri squaciati                                                                                                                                    contemplazione

  chiaro di luna                                                                                                                                                                   cieli scuri accesi                                                                                                                                         contemplazione

Sulla base di quanto fin qui esposto, ognuno di voi indichi la sequenza che, secondo lui/lei, va dall’haiku più Yin a quello più Yang.

Yin -> Yang

1) A,B,C

2) A,C,B

3) B,A,C

4) B,C,A

5) C,A,B

6) C,B,A

Se non percepite alcuna differenza e quindi non riuscite a determinare una vostra sequenza, chiedetevi se siete una patata.

Scherzi a parte, scopo dell’esercizio è proprio quello di farvi fare i conti con le vostre sensazioni e quindi portarle dall’inconscio all’attenzione della coscienza.

So che può non essere facile, ma almeno provateci.

Sulla scelta dei termini e delle parole (pragmatica di comunicazione)

Fino ad ora, vi sono stati forniti alcuni strumenti per meglio comprendere le vostre opere dal punto di vista emotivo, evidenziando soprattutto la relazione che intercorre tra un haiku ed un suo ipotetico lettore.

Sempre partendo da questo punto di vista, ora cercherò di fornirvi alcuni ulteriori strumenti, per gestire tecnicamente al meglio lo Yin – Yang dei vostri haiku e di conseguenza le relazioni che si creeranno con i vostri lettori.

In un haiku la forza emotiva trasmessa al lettore è data soprattutto da:- verbi- sostantivi – aggettivi- avverbi.

Congiunzioni, articoli, preposizioni sono neutri e quindi non concorrono al rafforzamento della relazione tra l’haiku e il lettore.

  • sull’uso dei verbi

rispetto agli altri termini,  l’uso dei verbi (tipicamente non ausiliari) è Yin, in quanto, descrivendo un’azione, un verbo lascia meno spazio all’immaginazione di chi legge e quindi al coinvolgimento emotivo da parte del lettore.

  •  sull’uso degli altri termini (diversi dai verbi)

usare un termine diverso da un verbo (sostantivo,aggettivo, avverbio) soprattutto quando il termine è drammatizzante, ovvero quando estremizza una sensazione, rende un haiku più Yang. 

“chiaro di luna cieli scuri squarciati”    è più Yang di      “chiaro di luna cieli scuri accesi”

in quanto il termine “squaciati” è più estremo del termine “accesi”

  •  sul raccontare e mostrare 

direttamente dalle regole precedenti (sull’uso dei verbi e degli altri termini) discende che:

lo Yin racconta :  chiaro di luna accende cieli scuri-

lo Yang mostra :  chiaro di luna cieli scuri accesi

quindi più il vostro haiku assomiglierà ad un racconto e più sarà Yin, mentre se risulterà un po criptico sarà Yang.

  •   sull’incompletezza 

dal punto precedente, discende che un haiku “più è incompleto” e più  è Yang, mentre è Yin se lascia il lettore meno libero d’immaginare.

Esempio:

chiaro di luna accende cieli scuri  => l’azione è esplicitata, infatti troviamo il soggetto, il predicato verbale  e il complemento oggetto, quindi la descrizione è raccontata e completa;

chiaro di luna cieli scuri accesi => l’azione non è esplicitamente determinata, quindi è il lettore che deve relazionare la luna all’accensione dei cieli, ne discende che questa descrizione è “più incompleta” rispetto alla precedente.

  • consiglio finale 

come esercizio, componete due diverse bozze di un haiku, scrivendone prima una versione Yin e poi una Yang e decidendo poi quale sia la più conforme a ciò che volete trasmettere.

  • consiglio di pratica

Usate i vostri haiku per conoscere meglio voi stessi, ovvero usateli come momento introspettivo, per capire il vostro Yin e Yang.

Nel lungo periodo, la storia Yin-Yang dei vostri haiku potrà mostravi la vostra vera natura, quindi non sprecateli.

Come variazione, potete prendere anche degli haiku dei maestri, come esempi da studiare.

 

 

 

Copyright © 2016 vivereperhaiku. Tutti i diritti riservati. Vietata qualsiasi riproduzione dei contenuti senza consenso scritto

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: