Archivi categoria: tanka

Tempo di covid: 5 tanka di EG

Al contrario della poesia haiku, che è poesia zen, poesia della mente vuota, la poesia tanka è poesia di riflessione.

cumuli di foglie
spezzate dal gelo
l'ecatombe RSA
la negligenza assassina
indossa un verde padano

dalla lombardia agli USA
tempo di covid
tempo d'incompetenti idiozie
le pere di candeggina di Trump
le chiese aperte di Salvini

le statistiche delle 18
i contagiati, i guariti, i morti
resterà memoria di tutto ciò? 
uomini e donne nascosti sotto le cifre
nei cimiteri si coltivano croci

la lontananza pesa
i miei 5 sensi in standby
senza mia figlia
mentre la primavera avanza 
non c'è vaccino per la saudade

un parassita
di una decina di nanometri
si sposta
invisibile e volatile
nel suo profumo di morte

Dal Lab: 5 tanka sull’ecatombe RSA

Il contest richiedeva un tanka contenente nel kami-no-ku un’immagine basata su una figura retorica riferibile all’ultimo verso, che doveva essere obbligatoriamente “ecatombe RSA”.

Nessuna regola per i due versi del shimo-no-ku.

Vincenzo Adamo
Trattati a guisa
di tanti vuoti a perdere:
l'ecatombe RSA
Alle basi del futuro
sogno un'altra umanità.

Paola Trevisson
caduti al fronte
dell'ultima battaglia
L'ecatombe RSA
Del tuo pane fragrante
profumerà anche il cielo?

Rosa Maria Di Salvatore *
struggenti addii
e primavere rubate…
Ecatombe RSA
sarà diverso il mondo
nell'alba che verrà?

Margherita Petriccione *
Un fiume d’oro
ha rotto gli argini …
Ecatombe RSA.
Su camion solitari
pioviggine d’aprile

Giusy Cantone
Cadono
come fiori di ciliegio
Ecatombe RSA
In mille se ne contano
io e la morte aspettiamo

Alla ricerca del makoto di Friedrich Nietzsche

Chiarisco subito che Friedrich Nietzsche (FN) non ha mai scritto haiku, ne ha mai praticato lo zen o la poesia orientale, anche se studiò il buddismo e si possono trovare diverse analogie tra la sua filosofia e i principi dello zen.
Ciononostante, FN ebbe un significativo percorso come poeta, anche se la poesia fu un’attività speculativa, quasi un accessorio rispetto al suo filosofare.
Oltre alle liriche sparse nei suoi lavori principali (Gaia Scienza, Così parlò Zarathustra ed altri), FN lasciò anche diversi lavori poetici, in forma di frammenti, che furono pubblicati postumi e di cui potete trovare diversi libri anche in italiano (io mi sono ispirato a ‘ Ditirambi di Dioniso e Poesie postume’ di Adelphi).
Leggendo queste opere poetiche di FN, mi sono accorto che, soprattutto i frammenti, potevano essere spesso assimilati, con poco sforzo, alla poesia haiku.
Da qui ha preso avvio la mia operazione di rivisitazione di queste opere, soprattutto nella ricerca del makoto dell’autore.
Come occidentale, io mi sento antropologicamente più vicino a FN che ai maestri cinesi o giapponesi, da qui la mia ricerca sulla genuinità poetica di uno dei giganti della mia cultura e del pensiero europeo.
Pertanto , quelle che leggerete non sono le opere originali di FN. ma dei miei adattamenti.
L’operazione è stata quella di prendere i ‘frammenti di poesia’ di FN e strutturali in una forma haiku o tanka (secondo le regole del Lab).
Inoltre, ho asciugato qualche verso troppo brodoso, attualizzando quando necessario i termini arcaici, ma badando sempre a mantenere intatto il senso e l’immagine del frammento originale.
Insomma ho dato una rinfrescata alla poesia di FN, quando mi sembrava necessario farlo e soprattutto per adattarla ai miei scopi.
Il senso qui, ripeto, è quello di ricercare la genuinità autoriale di FN, non quello salvaguardare a tutti i costi i contenuti originali, che tra l’altro sono ovviamente presenti nei libri acquistabili in giro.
Ho quindi operato come poeta, andando alla ricerca del makoto, come suggerisce Basho, e non certo come un accademico, o semiologo o semiotico delle opere di FN.

Inverno 1882-1883

pino e fulmine

troppo in alto, su tutto e tutti
se parlo
nessuno parla con me
solo e con la mia altezza
io aspetto
ma cosa ?
troppo vicino alle nubi
ora attendo
il primo fulmine !

Chiara identificazione di FN con un pino. Tecnicamente più poesie brevi e pseudo-haiku, che haiku veri e propri.
L’essenza è chiaramente la consapevolezza da parte di FN delle conseguenze di essere un personaggio fuori dagli schemi.
Nonostante spesso manchi un qui e ora chiaro e definito, le azioni indicate nel secondo verso, al tempo presente, ne fanno egregiamente le veci.
Generalizzando, la forma lungo-corto-lungo sembra l’ideale per le immagini di presa coscienza di uno stato-azione-effetto. Buonissimo anche il ritmo, che ne deriva.

Portofino

siedo in attesa
in attesa ?
del nulla e totalmente trasceso
nessun desiderio, ne di luce o oscurità
nel meriggio amico e nell’eternità

La trasposizione dell’originale alla forma tanka, anche se non canonica, mi ha richiesto un certo impegno. Personalmente, sono comunque soddisfatto del risultato, che ritengo mantenga l’essenza originale, anche se mi sono preso diverse libertà interpretative.

Sperduto nell’azzurro
sono troppo attratto
da ciò che è lontano !

Trasposto il frammento, ne è risultato un haiku di altissimo livello.

lusingare chi si ama
fuori dallo spazio
fuori dal tempo
sopra di noi le stelle sfavillano
intorno a noi freme l’eternità

tanka d’amore. terribilmente efficace.

(CONTINUA)

In memoria di Kobe Bryant

Los Angeles, morto Kobe Bryant, leggenda Nba dei Lakers.
Aveva 41 anni. Il suo elicottero, dove si trovava con altre sette persone più il pilota, è precipitato nella contea di Los Angeles. Tra le vittime, anche la figlia tredicenne Gianna Maria.

Le mie più sentite condoglianze a tutte le famiglie delle vittime di questo tragico incidente.
Era giovane
Non conoscerà la Via
Prendi questo regalo
Messaggera del regno sottostante 
E portalo sulla tua schiena
(Yamanoue no Okura, sulla morte del figlio)
Muore ciò che nasce
Un campione si è spezzato a Calabalas
Fumo sulla collina
L'ultima standing ovation
Si alza il grido di MVP per Mister 81
(EG)

La forma TANKA: linee guida

Un Tanka è sostanzialmente una poesia breve formata da 5 versi totali, suddivisi in due parti, che la forma canonica richiederebbe di essere di 5,7,5 – 7,7 sillabe.

Anche per il tanka, come per la forma haiku, il conteggio delle sillabe è raccomandato solo per chi inizia, mentre gli avanzati possono utilizzare il pattern corto-lungo-corto – lungo-lungo, prestando comunque sempre attenzione ad ottimizzare i termini e comprimendo i versi, ogni volta che se ne presenti l’occasione.

I primi tre versi formano la strofa superiore (kami-no-ku), gli ultimi due la strofa inferiore (shimo-no-ku).

Le due parti devono produrre un effetto semanticamente contrastante, ma allo stesso tempo coerente rispetto al soggetto del tanka.

Rispetto all’Haiku, nel Tanka si può essere più liberi e suggestivi, senza curarsi troppo delle regole. Di fatto è la forma da utilizzare quando si vuole essere il più espressivi e creativi possibile.

PRATICA

La pratica del Tanka è allora quella che non c’è pratica, quindi volendo , il kami-no-ku, può anche assumere la forma di un Haiku.

Se gli haiku sono descrittivi, senza fronzoli, aderenti alla realtà, neutri in termini di emozioni, zen, i tanka sono metaforici, romantici, personali, sensuali, lirici.

Se la focalizzazione di un haiku è il mondo e la realtà, un tanka può essere intimista e concentrato sui sentimenti umani, ovvero in termini di prospettiva un haiku tende mostre una realtà oggettiva, mentre un tanka una realtà soggettiva e personale.

Se la peculiarità principale di un haiku è quella del mostrare un qui e ora consapevole, quella di un tanka è quella di essere versatile, libero, sia in termini di tempo, che di soggetto o di essenza.

Esempi

Ki no Tsurayuki 紀貫之 (ca. 872-945)
Cercando nell'acqua
Qui, una volta, mi bagnai le maniche
Ora è tutto ghiacciato
In questo primo giorno di primavera
Mi chiedo, si scioglierà con il vento ?
(tanka sulla primavera)

Anonimo
Dal grande mare
Sulla riva, i granelli di sabbia
Che io conto con costanza
Possa il mio Signore vivere mille anni
per ciascuno di essi
(tanka di auguri)

Tsurayuki 貫之
Dalle mani a coppa
Nuvola di goccioline
La montagna primaverile
Non è abbastanza, come da te
Mi senta separato.
(tanka di separazione)

Ōshikōchi no Mitsune 凡河内 躬恒
La prima oca
La sua voce così flebile
Da quando ho udito la tua
Da allora i miei pensieri
Galleggiano nell'aria
(tanka d'amore)