Anche una coccinella deforma lo spazio-tempo: frammenti su scienza e poesia

Atomi che entrano nel mio cervello
eseguono una danza e se ne vanno; 
atomi sempre nuovi che ripetono la stessa danza 
che ricordano quella di ieri (Richard Feynman (1918-1988), Nobel per la Fisica)

Tanto per dimostrare che si può essere, allo stesso tempo, scienziati e poeti.

Ieri, 21 marzo era la Giornata Mondiale della Poesia.

Oggi, io fisico (anche se poi mi sono dato all’informatica) e poeta voglio sottolineare come scienza e poesia, fisica ed arte siano correlate .

Un esperimento, condotto nei laboratori del dipartimento di fisica dell’università di Vienna, ha misurato per la prima volta l’accoppiamento gravitazionale fra masse di dimensioni millimetriche: piccole sfere d’oro paragonabili, per dimensioni e peso, ad una coccinella. (INAF)

Da questa notizia un mio tanka:

Il volo di una coccinella
Un ramo di un ciliegio
Poesia e fisica
Impercettibilmente si curva
Lo spazio-tempo di Einstein (EG)

Scienza e poesia, per molti solo mondi inutili ed ultimamente anche contrastati da barbariche sub-culture .

In realtà, come sostenevano Schopenhauer, Einstein e Virgilio, solo per citare qualche mente superiore, sono mondi indispensabili, da praticare, se vogliamo allontanarci dalle scimmie da cui proveniamo.

Ma cosa hanno in comune queste due prospettive? Entrambe indagano sulla realtà, anche se ortogonalmente ed in modo complementare.

La scienza indaga su come funzionano i fenomeni, la poesia sulla loro essenza, sull’ essere.

La scienza risponde alla domanda : “come funziona questa cosa ?”, mentre la poesia su: “cos’è lo spirito di questa cosa ?”

I risultati a queste domande, per la scienza sono dei modelli (quasi sempre matematici), mentre per la poesia sono dei testi che ispirano.

“Migliorate la vostra vita attraverso la scienza e l’arte.” (VIRGILIO)

“L’amore della complessità senza il riduzionismo produce l’arte; l’amore della complessità con il riduzionismo dà luogo alla scienza.” (EDWARD OSBORNE WILSON)

“Il mistero è la migliore esperienza che possiamo avere. È l’emozione fondamentale che veglia la culla della vera arte e della vera scienza.” (A.EINSTEIN)

“C’è arte nella scienza e scienza nell’arte: le due cose non sono nemiche, ma solo diversi aspetti del tutto.” (ISAAC ASIMOV)

Alla fine, come dice all’inizio Feynman, in fondo è solo una questione di atomi che vanno e vengono, scienza e poesia non sono altro che una danza, forse l’unica degna di essere vissuta.