Perchè un haiku non è mai “bello”

Avete letto un haiku che vi piace?

Allora, se non sapete argomentare, al massimo mettete un mi piace, ma non scrivete mai …. “bello, bellissimo ….o simili “, come commento.

La bellezza non è mai una qualità di un haiku.

Qualificare con una sola parola un haiku è sempre un’operazione sconsigliata, in ogni caso, se proprio non resistete, allora vi do qualche suggerimento su come commentare un haiku, con un solo attributo.

Un haiku può essere raffinato, se sapete riconoscere la raffinatezza definita da Hokushi:

Un'orata salata
mostrando i denti
giace gelida nella pescheria (Basho)

può essere buono, se non è banale:

il profumo del primo riso
arriva da destra
il mare di Ariso (Basho)

suggestivo, se vi da una qualche emozione:

Ora cresce solo l'erba estiva
Dove gli antichi guerrieri
Usavano sognare! (Basho)

crudo:

Pulci, pidocchi
e un cavallo che piscia
vicino al mio cuscino! (Basho)

cupo:

Nell'oscurità della notte
Non trova il suo nido
Le urla di un piviere (Basho)

vitale:

Tra le nostre due esistenze
Come è vivida la vita
Dei fiori di ciliegio! (Basho)

… e probabilmente in molti altri modi, che comunque nulla hanno a che fare con la bellezza.

Di seguito, a tal proposito, anche qualche citazione su cui varrebbe la pena riflettere, per eliminare definitivamente il concetto di bello dai vostri futuri commenti:

” un haiku dovrebbe tendere a ciò che i giapponesi chiamano wu-shi, ovvero “niente di speciale”. (Eric Amann)

“la vitalità è la vera qualità di un haiku”. (James W. Hackett)

“un haiku dovrebbe essere semplice come il porridge ” (Kerouac)

“a differenza di altri tipi di poesia, un haiku non si occupa di esprimere Verità, Bellezza o qualsiasi altro tipo di idea, concetto o simbolo; non ha un significato profondo, ne esoterico; si occupa solo del qui e ora, della natura, dell’intuizione derivante dall’esperienza sensoriale immediata, delle visioni e dei suoni ordinari di questo mondo. ” (Eric Amann)

“haiku è solo il risultato di una pratica, una pratica della mente: la pratica della mente zen che, non avendo nessun attributo, non produce nulla che debba essere conseguito” (EG)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.