Esercizi di riduzione: Pasquale Asprea

QUI, per l’introduzione all’esercizio.

Pasquale Asprea
Più un pensiero in onore di Kim Ki-duk, regista sud coreano recentemente scomparso, di cui Primavera, autunno, ecc, è un film molto bello che consiglio di vedere :

(pensiero poesia) 
primavera, estate, autunno, inverno…e ancora primavera -
una pietra legata
alla zampa del bambino

Tanka
sul lago immobile
si specchiano gli alberi
sempre cangianti
la vita degli uomini
segnate dagli eventi

Haiku
Lago immobile -
un uccello si allontana
dallo sguardo 

ANALISI di EG

L’analisi sul lavoro di Pasquale sarà un po’ diversa, rispetto a tutte quelle viste finora, in quanto il pensiero di partenza è una mia richiesta e non è una vera e propria poesia breve.

Farò quindi un riassunto del film, come introduzione ai miei commenti successivi (che altrimenti non si capirebbero):

Primavera: In un piccolo tempio buddhista galleggiante vivono un monaco ed un bambino. Il bambino cresce seguendo le istruzioni del monaco, ma a volte infligge delle crudeli sofferenze a dei piccoli animali che popolano le montagne circostanti. Scoperto dal monaco, viene punito nello stesso modo in cui lui maltratta gli animaletti.
NOTA di EG: quando vidi il film, qualche anno fa, lo interpretai come un’allegoria sulle 4 nobili verità buddhiste.
Questo capitolo rappresenta quindi la prima nobile verità, ovvero come nella vita degli esseri senzienti sia insita la sofferenza.

Estate: Il bambino ormai adolescente si invaghisce di una ragazza, portata al tempio dalla madre, perchè malata. I due intrecciano una relazione, ma quando il monaco li scopre, avendo la ragazza ritrovata la salute, la rimanda a casa. Il ragazzo, non potendo sopportare la separazione scappa dal tempio.
NOTA di EG: quest’altro capitolo rappresenta la seconda nobile verità, ovvero: come il dolore sia insito in noi ed abbia origine dalla ricerca della felicità, ovvero in tutto ciò che è transitorio, quindi illusorio.

Autunno: Lasciato il tempio, il ragazzo ormai trentenne, si è sposato e viene tradito dalla moglie, così la uccide, nascondendosi poi nel tempio in cui è cresciuto. Incapace di trovare la pace, l’uomo cerca di porre fine alla sua esistenza, ma viene salvato dal vecchio monaco, che gli ordina di usare l’arma del delitto per incidere sul portico del tempio il sutra del cuore, che lui stesso calligrafa usando come pennello la coda del suo gatto. Poco dopo, arrivano al tempio due poliziotti, che, su richiesta del monaco, prima di prenderlo in consegna, attendono che venga completata l’incisione del sutra. Infine, quando tutto è compiuto, il vecchio monaco rimane solo ed avendo ormai svolto il suo compito, si prepara a morire.
NOTA di EG: questo capitolo rappresenta la terza nobile verità: esiste l’emancipazione (cessazione) dal dolore.

Inverno: L’uomo arrestato, ormai maturo, ha scontato la sua pena, quindi ritorna e riprende a vivere nel tempio ormai abbandonato da anni e si educa alla meditazione ed alle arti marziali, quando una donna con il viso nascosto da un velo, porta al tempio un bambino ancora in fasce, affidandolo quindi al monaco.
NOTA di EG: questo capitolo rappresenta la quarta nobile verità: esiste un percorso di pratica da seguire e che permette di emanciparsi dal dolore.

… e ancora Primavera: Di nuovo l’uomo, diventato anch’esso un vecchio monaco, cresce il bambino nel tempio sul lago e di nuovo il bambino infligge piccole crudeltà agli animaletti che vivono sulle montagne circostanti…
NOTA di EG: allegoria finisce con la rappresentazione del ciclo infinito della vita, ovvero come l’esitenza sia solo una ruota.

In estrema sintesi il film rappresenta quindi la Via buddhista, con i sui passaggi, in termini allegorici, dalla nascita (primavera), alla rinascita (di nuovo primavera).

Commento di EG

Se confrontate le mie note con le riduzioni di Pasquale, risulta subito chiara una forte divergenza in termini d’interpretazione dell’essenza del film; il che mi porterebbe a stravolgere totalmente il suo lavoro, sfortunatamente andremmo anche subito fuori strada rispetto all’esercizio, quindi meglio cambiare paradigma di analisi e guardare alle riduzioni di Pasquale, solo in termini di estetica formale, in quanto è il denominatore comune con il film, che in termini formali (leggere soprattutto fotografia), è un bel film.
Pertanto non parliamo più di riduzioni in termini di essenza, ma di riduzioni rispetto alla bellezza delle immagini, passando così dall’espressione, all’impressione.
In termini d’immagini, la poesia iniziale, anche se di fatto non è una poesia, offre ben poco, se non il titolo del film e un bimbo con una pietra al piede, che rinominato come zampa prova a relazionare il karma del bimbo, alle sue cattiverie, ma il meccanismo risulta veramente criptico, se non si è visto il film.
La riduzione a tanka offre un quadro migliore, in quanto sintetizza in pochi versi sia l’estetica che la trama del film.
Operazione non facile a cui va dato tutto il merito a Pasquale.
La riduzione ad haiku, ripropone un’immagine alla Buson, per intenderci, esteticamente molto buona, ma che non raggiunge la profondità del tanka, ne può oggettivamente farlo, per ovvie ragioni di spazio. Se haiku è un momento, un film è un racconto, quindi siamo in presenza di due linguaggi strutturalmente incompatibili.

In conclusione, con quest’esempio siamo un po’ usciti dal seminato dell’esercizio, ma abbiamo anche esplorato vie nuove, sicuramente interessanti.

1 commento su “Esercizi di riduzione: Pasquale Asprea”

  1. ti ringrazio Elio per la tua analisi critica.
    effettivamente più che un esercizio l’ho sentito come un omaggio al regista prematuramente scomparso. Questo suo film mi è piaciuto molto sia per il lato estetico ma soprattutto per l’insegnamento che trasmette. Penso sia un patrimonio a cui tutta l’umanità dovrebbe accedere!

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.