Esercizi di riduzione: Rosa Maria Di salvatore

QUI, per l’introduzione all’esercizio.

POESIA
Palpitano
sottili fili d'erba
alla brezza leggera
del mattino.
In un cielo dipinto
ad acquerello
l'alba chiara ha il colore
del cobalto.

TANKA
è chiara l'alba
in un cielo dipinto
ad acquerello
fremono i fili d'erba
al tocco della brezza

HAIKU
è chiara l'alba
in un cielo dipinto
ad acquerello

ANALISI di EG

Il contesto è quello classico bucolico degli haiku tradizionali, la poesia infatti introduce 2 immagini distinte: 1) dei fili d’erba mossi da una brezza mattutina, 2) un’alba color cobalto, utilizzata come sfondo dell’immagine precedente.

Stilisticamente, la ricerca dell’evocazione è molto presente, fin troppo presente e questo sarà l’ostacolo principale, come vedremo, al corretto svolgimento dell’esercizio.

L’uso ricorrente di termini ed immagini suggestive come il palpitare dell’erba, o il richiamo ad un cielo acquarellato è di fatto un condizionamento mentale che, se accettabile nelle poetiche non haiku, si scontra con il furyu (la poetica haiku).

Intendiamoci, le scelte di Rosa Maria sono del tutto legittime, ma sono anche la testimonianza di come interpreti ed intenda la poesia in generale.
La riduzione a tanka conferma le due immagini sopradescritte, quindi tecnicamente è corretta, anche se viene perso il riferimento al colore del cielo, mentre la presenza della brezza viene risolta introducendo il predicato fremere.
Nella riduzione ad haiku invece, ogni riferimento ai fili d’erba scompare, lasciando il posto al solo sfondo iniziale, ovvero all’alba e al suo cielo.
In conclusione, il processo di riduzione corretto si ferma alla forma tanka, in quanto lo haiku finale perde completamente una delle immagini protagoniste, soffermandosi esclusivamente sullo sfondo. Le immagini seppur non originali, avevano un certo potenziale e l’errore principale dell’esercizio è stato quello di continuare ad usare come paradigma lo stile evocativo esplicito anche nella riduzione haiku, piuttosto che rifarsi a termini, in grado di evocare si, ma in modo implicito, ovvero non direttamente deducibile. Cambiare il proprio paradigma in funzione della poetica è un’aspetto fondamentale, se si vuol fare poesia.
Personalmente, immaginando la scena, avrei sfruttato il contrasto sui colori derivabili dalla poesia iniziale.
Ad esempio

vibrazioni
il verde dell'erba
il cobalto del cielo (EG)

p.s. ho usato il termine vibrazioni, in quanto la luce, con i suoi colori (frequenze), è fisicamente una vibrazione del campo elettromagnetico.

Avrei molto altro da dire, ma mi sono reso conto che sarebbe ingiusto nei confronti di Maria Rosa trattare argomenti di carattere generale nella sua recensione, quindi scriverò un articolo ad hoc , che pubblicherò alla fine del giro delle recensioni sui singoli autori.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.