Giusy Cantone: “il mio haiku capolavoro”

Puntate precedenti:

  1. Monica Federico
  2. Stefano Riondato

Questo lo haiku di Giusy:

 Festa del papà 
una bozza mai inviata

Credo sia chiaro perché mi stia così a cuore (Giusy Cantone)

Commento di EG:

Per la terza volta consecutiva, anche qui abbiamo un haiku selezionato su base emozionale.

A questo punto, mi sento in dovere di aprire una parentesi, provando ad approfondire questo aspetto.

Innanzitutto, il fatto di privilegiare un’opera, vostra o altrui, per un mero fattore emotivo o sentimentale, è una pessima idea.

Seconda cosa, se siete sotto un qualsiasi effetto emotivo e volete esprimerlo in poesia, non usate la forma haiku, ma il tanka.

Oltre a garantirvi più spazio espressivo, un tanka offre quella libertà che un haiku, soprattutto per noi del Lab, non vi può dare, quindi il mio consiglio è : se amate la suggestione scrivate più tanka.

Se invece volete scrivere haiku, smettere di andare dove vi porta il cuore o, come diceva Otsuji :

“Quando si è sopraffatti dal dolore o dalla gioia, o si è immersi in una forte sensazione, allora non si possono scrivere haiku. “
(Otsuji) …. ne valutarli …. aggiungerei io.

Chiusa la parentesi, ritorniamo all’opera di Giusy.

Il suo è un h2ku , quindi i parametri di riferimento sono quelli delle nostre linee guida per gli h2ku , ovvero stacco, ritmo, profondità, pragmatica della comunicazione e qui e ora.

Il primo verso è un kigo che indica a sua volta la data del 19 marzo.
Il kigo ci dice il quando, mentre niente traspare rispetto al dove.
Quindi, il qui e ora, anche se in forma debole, viene rispettato.
Personalmente considero quasi sempre una pessima scelta i kigo di questo tipo, perchè di fatto uccidono il ritmo, soprattutto nella forma h2ku, dove non c’è lo spazio per un terzo verso dove recuperare. Fortunatamente , qui la data è su tre parole (festa del papà), quindi gli effetti sul ritmo sono minori rispetto a date espresse su una sola parola come ad esempio Pasqua o Natale.
La festa del papà introduce un rimpianto, ma poi ? Ho riletto più volte questo haiku, ma l’impressione di incompletezza mi è sempre rimasta.
Per questo motivo, a mio avviso, sarebbe stata più adeguata la forma h3ku, proprio per non disperdere le ottime potenzialità che emergono dal secondo verso.
Il mono no aware è chiaramente, anche qui, l’ideale primario, con un wabi-sabi appena accennato dall’immagine della bozza e da uno yugen che traspare dalla mancata indicazione sul dove, su quale media si trovi questa bozza, su carta ? su un computer ? come bozza di email ?
Anche qui, come nel caso precedente, a mio avviso è necessario intervenire, introducendo un terzo verso, che sposti il baricentro dall’ideale primario ad uno dei due secondari.

Esempi di un terzo verso:
– più wabi-sabi : l’odore di un cassetto
– più yugen: il mare sullo sfondo

In conclusione, un haiku con ottime potenzialità, ma non completamente sviluppato, quindi con poca profondità, causa anche di un kigo neutro che toglie un po’ di ritmo allo ha2ku. Auspicabile invece l’introduzione di un terzo verso, per recuperare la profondità, migliorare il ritmo e per dare più corpo al qui e ora, fornendo un qualche elemento di riscontro soprattutto sul dove si sia svolta l’azione, in una stanza ? al mare ? per strada ? …

2 pensieri riguardo “Giusy Cantone: “il mio haiku capolavoro””

  1. Grazie Elio per la tua analisi ….sai che sono una stacanovista….ci lavorerò su….ma per quanto riguarda il dove ho seguito un tuo suggerimento,non dire troppo in un haiku e in questo caso mi sembrava superfluo…ho voluto lasciare un dubbio su cui riflettere….email -pc-smart fone.. o lettera che importanza ha?la mancanza e’uguale

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.