Emendare: un esempio dal Lab

Dovrebbe far parte della pratica zen di scrittura haiku rivisitare le proprie opere dopo un certo periodo di tempo.

Non è obbligatorio, ma a mio avviso raccomandabile.

Staccarsi dalle proprie opere, riprendendole più avanti, permette di allentare, se non addirittura perdere quel senso d’identificazione che ogni autore sente nei confronti dei propri haiku.

L’atteggiamento più radicale e corretto, sarebbe quello di distruggerli dopo averli scritti, come fanno i monaci tibetani nei confronti dei loro mandala di sabbia, che vengono cancellati con un gesto, per rimarcarne l’impermanenza, sfortunatamente quasi sempre quel senso di protagonismo che è insito in ogni autore, spinge invece alla pubblicazione, vanificando così l’occasione d’imparare da noi stessi.

Personalmente ho sempre inteso la pubblicazione di un mio haiku come un momento di “sputtanamento” da cui non si può tornare indietro, da qui la mia riluttanza a mettere in piazza tutto quello che scrivo.

In realtà, rileggere un proprio haiku può diventare un momento di meditazione, anche se dipende tutto dallo scopo con cui lo si fa: posso scegliere se perfezionare le parole o me stesso e non è la stessa cosa.

Così come, non è la stessa cosa emendare un proprio haiku o quello scritto da altri, può servire come esercizio tecnico ma non come atto meditativo.

Sfortunatamente la meditazione non si può insegnare , quindi vediamo almeno come si possono perfezionare le parole, prendendo come esempio un haiku di Gabriella De Masi preso dal Lab.

Non spiegherò le ragioni che hanno portato alle varie versioni, si possono intuire. Dico soltanto che è un buon esempio, a cui hanno contribuito Angiola Inglese, Margherita Petriccione, oltre ovviamente l’autrice stessa ed il sottoscritto.

Bucato steso
Lo schiocco d’un lenzuolo
in lotta col vento

Seconda versione

Bucato
Lo schiocco d’un lenzuolo
in balìa del vento

Terza versione

Accenni di flamenco
Lo schiocco d’un lenzuolo
in balìa del vento

Quarta versione

Accenni di flamenco
Lo schiocco d’un lenzuolo
Si perde nel vento

Ultima versione

Cenni di flamenco
Lo schiocco d’un lenzuolo
Perso nel vento

2 pensieri riguardo “Emendare: un esempio dal Lab”

  1. Mi capita spesso di rivedere quello che ho scritto e non sono sempre soddisfatta di quello che leggo, e non mi riferisco solo alla forma : questo succede soprattutto se non ricordo il momento preciso e la situazione in cui ho scritto . Evidentemente è sempre e solo la verità e la concretezza totale totale che rendono un haiku qualcosa in cui mi identifico ancora adesso , e non ritengo che questo sia una cosa negativa : il qui e ora di ieri fa parte del mio passato e quindi di me .

    "Mi piace"

    1. l’atto meditativo non si riferisce a rivivere il qui e ora passato, ma al momento della rilettura.
      rileggi non con la mente rivolta al passato, ma cogliendo la rilettura come una nuova esperienza.
      diverse le realtà, diversi i qui e ora, diversi i momenti.
      quando rileggi, la realtà è fatta da tu che rileggi parole che stanno su un foglio.

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.