Hanshan: il pino rosso, poesia 283.

Personalmente condivido appieno il pensiero di Hanshan 寒山, leggendario poeta cinese taoista-zen dell’ottavo secolo, su certi “poeti” ,  che evidentemente sono sempre stati presenti e che considerano il contenitore più importante del contenuto.

La poesia include i termini strutturali per i quali, una poesia cinese si doveva accordare, alle rigide regole poetiche in uso a quel tempo.

han_shan

Il Signor Wang laureato
ride della mia povera prosodia.
Io non so niente di vitini di vespa
ne ancor meno di ginocchia di gru.
Io non riesco a tenere diritti i toni piatti
e non c’è ordine nelle mie parole.
Ma, io rido delle poesie che lui scrive
delle canzoni di un cieco che parlano del sole!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.